La biblioteca è aperta al pubblico tutti i giorni feriali con il seguente orario:
lunedì, mercoledì, venerdì : ore 8,15-13,45
martedì e giovedì: ore 8,15-13,45   15,00-18,00 ( aperture pomeridiane sospese luglio e agosto)

Responsabile: Dott.ssa Laura Ciotti

La biblioteca annessa alla Sala Studio si è costituita parallelamente all’avvio dell’attività dell’Istituto, dal 1962, con l’acquisizione di pubblicazioni non solo edite all’epoca, ma anche precedenti, acquistate in ristampa o sul mercato antiquario, con un incremento progressivo e crescente negli anni, fino all’attuale consistenza di ca. 7.000 volumi ed opuscoli, e 150 testate di periodici, di cui 70 in corso; il patrimonio bibliografico comprende anche una cospicua quantità di strumenti multimediali, costituiti da VHS, CD, DVD, a corredo di pubblicazioni o editi autonomamente.
Il servizio consiste nella sola consultazione, mentre è escluso il prestito esterno; è consentita la fotoriproduzione nel rispetto delle vigenti norme sul diritto d’autore.

La biblioteca si configura come specializzata, in quanto la sua funzione consiste nel raccogliere  materiale bibliografico che serva da supporto al lavoro scientifico degli archivisti ed al loro aggiornamento culturale e professionale, e fornisca sussidio specifico agli studiosi e ricercatori nella consultazione dei documenti; di qui la caratterizzazione prettamente locale dei testi, determinata sia dall’ambito geografico storico e sociale di riferimento, sia  dalla natura dei fondi conservati dall’Archivio.

A disposizione degli utenti strumenti peculiari e specialistici: dizionari, lessici, repertori, sussidi bibliografici, enciclopedie, tavole paleografiche, testi di storia generale, manuali, testi normativi, raccolte di leggi e codici, dagli stati preunitari alle Gazzette Ufficiali correnti.

Numerose sono le collane e le opere in continuazione, comprendenti opere storiografiche, edizioni e regesti di fonti documentarie manoscritte, inventari e guide tematiche di fondi archivistici, statuti di comunità, pubblicazioni edite dalla Direzione Generale degli Archivi e dai singoli Istituti archivistici, che pervengono regolarmente, cataloghi di mostre, atti di convegni e congressi.
Le singole pubblicazioni riguardano diversi settori e materie: la storia del diritto e delle istituzioni, la storia generale, dalla caduta dell’Impero Romano al ‘900, le discipline ausiliarie della storia, come archivistica, biblioteconomia, paleografia, diplomatica, sfragistica, numismatica, araldica, genealogia, cronologia, metrologia, onomastica, toponomastica; la storia locale, intesa in ogni suo aspetto, tematica, epoca e località della provincia e della regione: oltre agli eventi storici in senso stretto, i testi illustrano società, economia, cultura, amministrazione, archeologia, arte, cultura, offrendo un quadro conoscitivo esauriente ed analitico, costantemente aggiornato con l’acquisizione tempestiva di tutte le novità editoriali.

Da segnalare la presenza delle pubblicazioni che testimoniano l’attività scientifica degli studiosi frequentatori della sala di studio, a riscontro concreto dell’utilizzo delle fonti archivistiche, la cui consegna è d’obbligo, alla stregua delle numerose tesi di laurea o dottorato, di notevole interesse ed eterogeneità, la cui consultazione non è libera, ma soggetta ad autorizzazione degli autori.

I periodici, sia nazionali, sia stranieri, sia locali, hanno carattere altrettanto specialistico, e trattano le stesse tematiche già evidenziate; consistono in collezioni continuative e complete, risalenti non solo agli anni di attività della biblioteca, ma anche alla fine dell’800 ed agli inizi del ‘900, le cui annate sono state reperite sul mercato.

Raccolte bibliografiche speciali sono costituite dai volumi e riviste pervenuti unitamente ad alcuni archivi privati depositati, che offrono esemplari interessanti per la specificità degli argomenti, come la politica e l’architettura, per l’antichità e talvolta per la rarità.

La biblioteca è resa fruibile agli studiosi attraverso vari strumenti di consultazione: per i volumi ed opuscoli è disponibile un catalogo a schede per autori e topografico, ed un soggettario relativo alla storia locale, ripartito secondo voci mirate ed analitiche, conformi alla specificità della biblioteca; secondo gli stessi criteri vengono effettuati gli spogli delle riviste, limitati alla provincia, per materia e per testata, con il comune scopo di agevolare la ricerca ed ottimizzare l’utilizzo delle risorse bibliografiche dell’Istituto.